II domenica di quaresima: il RIFUGIO!

+ Dal vangelo secondo Giovanni (2,13-25)

Si avvicinava la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme. Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe e, là seduti, i cambiamonete. Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori del tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!». I suoi discepoli si ricordarono che sta scritto: «Lo zelo per la tua casa mi divorerà».

Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?». Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere». Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?». Ma egli parlava del tempio del suo corpo.

Leggi il commento:

Come gli Ebrei avevano il Tempio, anche noi abbiamo il nostro tempio, che è la nostra chiesa. Gesù si arrabbia con chi non rispetta la “casa del Padre”, perché nei muri che compongono il Tempio è presente il Padre. Anzi, nella seconda parte ci fa capire che il vero tempio è il suo corpo!

Gesù è presente anche nella nostra chiesa, che è stata consacrata e “cresimata” dal Vescovo (le croci di rame vicino alle porte). Ma la costruzione da sola non servirebbe a niente se non ci fossimo noi: infatti, come dice san Pietro, ognuno di noi è una “pietra viva” chiamata a costruire la Chiesa fatta di persone.

Quando si va in montagna, abbiamo detto che è importante fare una sosta. Per questo troviamo i rifugi, ambienti caldi, accoglienti dove si incontrano tante persone, si parla, ci si ascolta, si chiedono suggerimenti.

La Parrocchia dovrebbe essere per noi un po’ come un rifugio in montagna: qui ci incontriamo fra di noi, ci divertiamo, mangiamo, stiamo insieme. Ma la presenza di Gesù rende tutto speciale, perché nei luoghi e nelle persone che incontriamo c’è Gesù, che ci indica sempre la strada giusta, ci da la possibilità di guardarci indietro se abbiamo sbagliato strada e ci dona il suo Corpo come cibo per rifocillarci e avere energia per vivere la settimana seguendo il suo cammino.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: